mercoledì 26 aprile 2017

30 giorni di libri: #giorno 06

6) il libro più corto che tu abbia mai letto



Sono sicura di aver letto parecchio altro sotto le 67 pagine di questo libricino,ma o in epoca troppo lontana per ricordarmene o tenerne conto,o a seguito di progetti editoriali precisi come ad esempio nel caso dei Corti di carta del Corriere della sera.

 <<solo la non conoscenza del futuro rende sopportabile il presente.>>
Ora però,perla di saggezza a parte,ma se questi antichi Greci erano così promiscui e così violenti,per una mera questione statistica prima o poi diventava praticamente inevitabile finire a letto con la propria madre o con il proprio figlio,ed uccidere il proprio padre o venire ucciso dal proprio figlio,dunque le vere vittime del Fato sono i poveri ragazzini liceali costretti a sorbirsi le tragedie di questa gente sconsiderata invece di godersi la vita.
E meno male che quando un tedesco (moderno) diceva così male dei Greci (antichi) erano tempi non sospetti...
Abbandonati gli scherzi,chiudo con un'altra citazione:
<<Eppure il tuo improbabilissimo responso si è avverato,mentre sono finiti in niente i miei responsi così probabili e dati ragionevolmente con l'intento di fare politica,e cambiare il mondo,e renderlo più ragionevole.>>

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver aver avuto voglia di leggervi il post e lasciare un commento,spero passerete presto di nuovo di qui :)

P.S.Ricordate di firmare i vostri commenti se postate come utenti anonimi,grazie.