venerdì 13 novembre 2020

domenica 8 novembre 2020

giovedì 5 novembre 2020

Clamp e altre sventure

Per la serie "Conclusioni affrettate"


 Non aggiungo altro,e non faccio nomi per carità di patria.

domenica 1 novembre 2020

I non-annunci di Lucca 2020

E quindi...anche quest'anno niente Saint Tail e niente ristampa di Inuyasha...
Posso ancora nutrire una piccola speranza per Fullmetal Alchemist,intanto,pur possedendo già la bellissima e curatissima edizione d/visual,penso proprio che finirò col farmi tentare (va da sè,per poi inevitabilmente cedere) da questo meraviglia che J-Pop ha deciso di proporci per Le rose di Versailles di Riyoko Ikeda,


 

con tanto di cofanetto

 


che per il sollievo di noi distratti cronici uscirà il prossimo dicembre (mentre i singoli volumi di questa riedizione saranno in fumetteria da gennaio 2021),preludio,si spera,ad altre opere dell'autrice:se potessi esprimere un desiderio a questo riguardo,sicuramente adorerei un'edizione nel medesimo formato de La finestra di Orfeo,mentre tra gli inediti spero sempre di poter leggere in un futuro non troppo lontano L'imperatrice Caterina...
Babbo Natale,o chi per lui,prendi nota.
A parte le riedizioni,mancate o annunciate,c'è comunque dell'altro che potrei prendere in considerazione più o meno seriamente,anche se ho infine realizzato cos'ha determinato il mio progressivo disinteresse verso la lettura dei manga,ovvero l'ormai inesorabile svuotamento di quasi tutti i forum che avevo l'abitudine di frequentare in passato,in particolare di uno più volte nominato anche in queste pagine,situazione che ha comportato praticamente la perdita di gran parte del divertimento connesso all'attività in oggetto.
In tutto ciò intanto c'è da registrare la ormai prossima conclusione del manga di Tokyo Alice,circostanza riguardo la quale in qualche occasione ero stata in procinto di disperare,e invece riusciremo a leggerne il finale,nonostante le numerose traversie.

sabato 31 ottobre 2020

 

Sinceramente,non mi ha mai interessato Halloween,ero troppo grande quando questa usanza ha preso piede anche da noi,e tuttora mi rimane un po' estranea e comunque non particolarmente interessante o attraente.

Ma per via anche del lavoro ormai sono pur se come un tempo nolente entrata nel vortice,e comunque scansare il diluvio di zucchette,ragnatele e cappelli a pan di zucchero diventa di anno in anno più impegnativo.